Recensione Serie: YOU

Ciao blogosfera,

Bentornati su queste affilate pagine digitali, vi sono mancato?

Quest’oggi parleremo di YOU, serie prodotta da Lifetime e disponibile in Italia sulla piattaforma Netflix.

Vi avviso che ci saranno spoiler.

Cominciamo!

YOU è la storia di un libraio che si innamora di un’aspirante scrittrice.

Un’allegra commedia romantica?

Non prorio.

Il libraio (Joe) è uno stalker maniaco del controllo.

image.jpg
Guardate che tenerone! Mi ci farei stalkerare io!

Mentre lei (Beck) è una stronza che non sa quello che vuole.

Who-Plays-Beck-Lifetime-You.jpg
Notate gli occhi spiritati e il sorriso dietro cui si cela la menzogna?

Una coppia perfetta, no?

Parlando più seriamente, ho letto un po’ di stronzate riguardo questa serie (ingiustamente sottovalutata, poi si va a vedere le recensioni nostrane di Sabrina e sembra il nuovo The Wire).

La prima è che è solo lui quello disturbato.

Per carità, lui è disturbato, ma pure lei il suo bel bagaglio di turbe psichiche se lo porta dietro: fidanzato tossicodipendente, padre ex-tossico, con un branco di amiche stronze, velenose come serpi e con problemi mentali (una la ama al limite dello stalking)… abbastanza incapace a scrivere (questo lo dico io, da quello che lei narra è abbastanza cagna a scrivere, tutto tell, ma come fa a diventare un best-seller il suo romanzo? Vabbè, sto divagando…)

Quindi diciamo che se Joe non è proprio un cavaliere dall’armatura scintillante, Beck non è proprio un’anima pura visto che lo tradisce più volte e gli dà pure del pazzo.

Ora, che Joe sia un serial killer non intacca questo ragionamento.

Anche perché più che per meriti suoi (di Joe) sono i poliziotti ad essere stupidi come ornitorinchi monchi, quindi ci sta che lui faccia una carneficina, siete delle capre incapaci di collegare 2 indizi in croce.

Poi smentiamo un’altra stronzata:

Nella vita reale una cosa del genere non sarebbe mai possibile.

A parte che il “cloud” attraverso cui Joe spia ogni cosa di Beck non è che funzioni proprio così. Soprattutto perché i telefoni montano chiaramente Android, che non permette un backup e un’integrazione in tempo reale simile tra dispositivi (anche perché sembra che montino Lollipop…)

Joe origlia i discorsi di Beck in luoghi affollati, lei fa sesso al piano terra con il letto davanti alla finestra e non ha una tenda,… cioè è pieno di scene assurde, che nel contesto ci stanno, ma non mi venite a dire che è una cosa potrebbe succedere.

Cioè lui sarebbe stato beccato o comunque denunciato nel giro di 2 giorni, anche perché un pirla vestito sempre uguale davanti a casa tua un po’ nell’occhio lo dà diciamo.

Un’altra stronzata che ho letto in giro è che è da disturbati parteggiare per lui.

Serve che commenti?

Cazzo, è pieno di serie e film dove si parteggia per il cattivo, non c’è niente di disturbato, semplicemente i buoni hanno rotto i maroni?

Cioè non penso che tifare per Dexter faccia di me un serial killer, come tifare per Joe non fa di me uno stalker serial killer.

Semplicemente sono personaggi scritti bene e che ti fanno simpatizzare con loro e con le loro motivazioni, per quando discutibili esse siano.

Notare che comunque Joe non è che uccida per caso, ma i suoi omicidi sono motivati razionalmente (grande lavoro di scrittura per quanto riguarda i suoi monologhi).

Lo fa per amore.

Ok è disturbato, ma lo fa per amore.

Dal suo punto di vista è giustificabile.

Finale a mio avviso un po’ forzato, sarà che sono un inguaribile romantico, ma secondo me poteva finire tutto tranquillamente a lui e lei che ritornano insieme.

Anche perché, analizziamo come Beck scopre le malefatte di Joe:

  1. Paco bussa alla porta nei 5 minuti in cui c’è solo lei a casa.
  2. Paco deve restituire un libro a Joe.
  3. Paco decide di farlo proprio quella mattina in quei cazzo di 5 minuti.
  4. Paco si ferma a parlare e nell’unica linea di dialogo parla del suo “nascondiglio”.
  5. Quello stronzo di Paco, al posto di farsi i cazzi suoi, rivela qual è il suo nascondiglio per i libri.
  6. Quel figlio di grandissima mignotta di Paco, al posto di farsi i cazzi suoi, dice che pure Joe usa il soffitto del bagno per nascondere le cose.
  7. Il tutto in 2 minuti nemmeno di puntata.
  8. Cioè la risoluzione della vicenda è affidata a un bambino che non si fa i cazzi suoi e a Joe che è un idiota che si tiene le prove in casa.
  9. Ovviamente Beck controlla il soffitto del bagno e ci trova:
    – TUTTI i telefoni dei personaggi morti (Joe sei un idiota)
    – I denti bruciati di Benji (l’ex di Beck – Joe sei ritardato?)
    – Le mutandine di Beck che Joe le aveva rubato ai tempi dello stalking (Ma sei scemo, Joe?)
  10. Ovviamente finisce in merda, con lei che cerca di ucciderlo e alla fine la spunta lui.

Ecco, una cosa che avrei preferito, è che lei diventasse come lui (una sorta di coppia di killer diciamo), per l’evoluzione che c’era stata a mio avviso sarebbe stato più coerente di lei che un secondo prima gli dice ti amo (quando è ancora in casa con lui) e il secondo dopo cerca di ucciderlo.

Cioè lui a lei non ha mai fatto del male, una sorta di sindrome di Stoccolma, o comunque di amore perverso tra i due secondo me ci sarebbe stato a pennello.

You Lifetime.jpg
Awwwwww non sono bellissimi?

Cosa che non mi è piaciuta: lui alla fine (quando sono nella “gabbia”) non spiega bene le sue motivazioni, sembra rincoglionito madonna, magari se si fosse spiegato leggermente meglio non sarebbe andata così. Tipo:

  • al posto di dire di aver ucciso Peach (l’amica di Beck), avrebbe potuto dire che lei l’aveva invitato lì perché non stava bene e, che una volta giunto lì, lei aveva cercato di ucciderlo ecc… sarebbe stato credibile, invece di dire che l’aveva uccisa.
  • stessa cosa per Benji (l’ex di Beck) perché confessare? Inventa una cazzata sui denti bruciati, anche perché Beck si fidava di lui dopo che le aveva fatto vedere che Candice (l’ex di Joe) era ancora viva. E Beck non è molto arguta, imho si sarebbe bevuta qualsiasi cazzata.

Ma vabbè qua sono io che straparlo.

Comunque anche il finale amaro, con lui che la uccide e pubblica poi la storia di lei che accusava il suo terapista non mi dispiace.

Certo i poliziotti sono veramente dei ritardati.

Anche perché non vi ho detto che su OGNI scena del crimine è pieno di tracce e DNA che conducono a Joe, ma come fanno a non arrivarci?

Comunque, la serie mi è piaciuta?

Cazzo, sì!

Adoro quando sono i cattivi a vincere (anche se parecchio a culo, ok), e secondo me è un bel thriller, con molti colpi di scena e con dialoghi originali.

Menzione di merito per la regia e per la fotografia, forse un po’ abusato l’effetto bokeh durante i primi piani, però molto curata, con luci al neon che donano un’atmosfera un po’ particolare alla serie.

Convincenti anche le prove degli attori, assolutamente promossi. Anche il casting ottimo.

Il finale poi è ancora aperto, anche se per quanto mi riguarda come serie autoconclusiva è perfetta.

Mi rendo conto che non è stata una recensione molto lineare, sono più pensieri a cazzo sulla serie, spero di non essere stato troppo confusionario, noi ci rivediamo al prossimo articolo.

Ciao a tutti!

Calvin

Voto 8

Annunci

4 risposte a "Recensione Serie: YOU"

  1. Condivido in pieno la tua recensione👍 ho amato questa serie e ovvio il protagonista è malato, ma non ho potuto fare a meno di tifare per lui ad un certo punto😱 poi si ci sono cose non proprio super credibili e hai ragione i poliziotti sono ritardati, ma un telefilm cosí introspettivo che non risulta mai noioso o lento secondo me ha qualcosa di davvero speciale! Gli attori mi sono piaciuti molto e il finale mi ha spiazzata in pieno😱 sono curiosa di vedere cosa uscirá dalla seconda stagione😁

    Piace a 1 persona

    1. Sì mi è piaciuto molto come ti mette nella sua mente e ti fa capire i suoi ragionamenti, lucidissimi tra l’altro.
      Finale spiazzante anche se io avevo creduto al fatto che Candice fosse viva…
      Mi è dispiaciuto soprattutto per Beck, secondo me sarebbe stato più originale la coppia “malata” che si ritrovava ad affrontare Candice, magari in un ribaltamento dei ruoli.
      Vediamo cosa tirano fuori 🔥

      Piace a 1 persona

  2. Quando ho visto la tua stories su insta sono dovuta venire subito a leggere perché ero indecisa se iniziarla o meno. Ho letto la tua recensione a sprazzi, per evitare gli spoiler più grandi, ma credo proprio che, finita bodyguard, me la guardo! Ti saprò dire!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...